venerdì 15 giugno 2012

Crostata al limone ripiena di ciliegie


Tra maggio e giugno, percorrendo la via vignolese da Modena verso Spilamberto e Vignola, non si possono non notare ai lati della strada le numerosissime bancarelle e i chioschi presso i quali si possono comprare ciliegie, duroni ed altra frutta direttamente dal produttore. 
L'altro giorno ero in zona e non potevo lasciarmi scappare l'occasione!
La maggior parte dei duroni sono finiti subito nelle nostre pance, compresa quella di Tommy, le poche rimaste le ho inserite in questa crostata.


Crostata al limone ripiena di (poche!) ciliegie


Ingredienti per una tortiera di cm. 22 circa:

per la frolla
300 grammi di farina
150 grammi di burro

150 grammi di zucchero

vaniglia in polvere

1/2 cucchiaino di lievito in polvere

1 uovo intero

un pizzico di sale



Tagliate il burro, freddo, a piccoli cubetti e mescolatelo alla farina e allo zucchero con il polpastrelli fino a che la farina diventa della consistenza simile alla sabbia. Poi unite gli altri ingredienti, formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e riponetelo in frigo per almeno un’ora.
Stendete ad uno spessore di circa 3 mm e rivestite una teglia da crostata (meglio se con i bordi amovibili) bucherellando il fondo con una forchetta.
Se ve ne avanza potete tranquillamente congelarla, ben chiusa in un sacchetto.

per il lemon-curd:
5 tuorli
100 grammi di zucchero semolato
la scorza grattugiata di 2 limoni bio
il succo di 2 limoni bio
60 grammi di burro

ciliegie o duroni di Vignola

Lavate i limoni, grattugiatene la buccia finemente, spremete il succo e filtratelo.
In una casseruola unite tutti gli ingredienti e lasciate cuocere a bagnomaria, mescolando continuamente, fino a che la crema si sarà addensata.
Lasciatela raffreddare in frigorifero.
Una volta fredda stendetela sulla pasta frolla e completate con qualche ciliegia privata del nocciolo.

per la pasta margherita
160 grammi di zucchero
100 grammi di tuorli
120 grammi di uova intere
180 grammi di farina 
50 grammi di burro sciolto
i semi di una bacca di vaniglia

Sbattete i tuorli e le uova intere con lo zucchero, aggiungete la farina setacciata, la vaniglia, infine il burro sciolto e intiepidito. Amalgamate bene e versate sulla torta: ne avanzerà un pochino, potreste utilizzarlo per una semplice tortina margherita:)
Cottura in forno a 180°C, fino a che i bordi della frolla sono leggermente colorati e l'interno è cotto e sodo (prova stecchino).

  

La nostra terra purtroppo sta ancora tremando: l'ultima scossa l'ho sentita stamattina alle 11 in ufficio.
Nelle zone più colpite la gente vive nelle tendopoli, la vita è completamente cambiata, anche per i piccoli che frequentavano il Centro di Terapia Integrata per l’Infanzia “La Lucciola” di Stuffione di Ravarino (Mo), che accoglie bambini e ragazzi nella fascia di età 3-18 anni con disabilità fisiche, mentali e multiple
"Il sisma del 20 maggio aveva già danneggiato la struttura centrale del Centro, ma le lesioni non erano molto gravi e contavamo di farcela con le nostre sole forze.

Le nuove scosse di martedì 29 hanno radicalmente cambiato la situazione: la Villa è gravemente compromessa e dichiarata inagibile: se si verificassero nuove scosse intense, la probabilità di crollo  è altissima. Altri edifici sono seriamente lesionati come la struttura che accoglie alcuni laboratori, l'acetaia, la serra e non è più possibile accedervi. I bambini e gli operatori sono usciti incolumi dalla devastazione, ma la realtà di trent'anni di impegno, rigore, passione per i bambini rischia di concludersi così: La Lucciola non ha le risorse, da sola, per far fronte a danni tanto ingenti.

Abbiamo bisogno della solidarietà di tutti."
Per chi volesse sostenere "La lucciola", qui le indicazioni.

9 commenti:

  1. speriamo che la smetta di tremare questa terra...
    eccezionale questa crostata, com'è invitante :-P
    brava!

    RispondiElimina
  2. A te almeno ne è avanzata qualcuna... a noi no ^_^ anch'io volevo fare qualche dolce ma erano troppo buone!!!!!!!!

    Nel caso alla prossima terrò presente la tua crostata! Buon fine settimana
    Tiziana.

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il tuo fantastico blog, sei bravissima!
    Purtroppo si la terra continua a tremare speriamo la smetta presto.
    A presto
    Valentina

    RispondiElimina
  4. Allora ho provato questa ricetta L'interno è rimasto liquido Ma per la pasta margherita i 120gr di uova intere qndo vanno inseriti?? E x qnto tempo e a qnti gradi bisogna infornare?? Grazie spero risponderai perché la ricetta mi è piaciuta ;) grazie imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Imma, non mi ero accorta di aver dimenticato un pezzo! Ho ricontrollato la ricetta della pasta margherita, temevo di aver fatto un errore di battuta, ma le dosi vanno bene. Quindi suppongo che ti sia rimasto crudo l'interno perchè non si è cotta abbastanza. Ti prego di scusarmi, e di dare un'altra chance a questa torta, che è davvero buona:) Correggo subito, e grazie a te per la segnalazione!

      Elimina
    2. Il lemon curd però deve rimanere cremoso eh! ;)

      Elimina
    3. Grazie mille Ci riproverò a breve Un bacio ed auguri di buona Pasqua ;)

      Elimina
    4. Buona Pasqua anche a te :)

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Pin It button on image hover