lunedì 8 marzo 2010

I famosi panini sfogliati...

dell' Harry's bar di Venezia, storico locale che ha ospitato una moltitudine di celebrita',  impossibili da elencare!
Tra tutti pero', devo* citare Ernest Hemingway, che dal 1949 dell' Harry's bar fu un assiduo frequentatore e che, dal suo tavolo riservato (quello in fondo a sinistra dopo l’ingresso), scrisse "Di la' dal fiume e tra gli alberi".

Panini sfogliati dell'Harry's bar



Forse qualcuno se li ricordera': nel 2006 imperversarono sul web, perche' sul sito del famoso locale ne era stata pubblicata la ricetta, assieme ad altre, quindi quasi tutti i foodbloggers e i forum di cucina la provarono.
Da allora, nelle occasioni importanti, nel mio cestino del pane questi mini panini, una via di mezzo tra il pane e il croissant - e' scritto come prefazione alla ricetta -  non mancano mai: stavolta li ho fatti piccini piccini, adatti per un aperitivo: meta' dose rispetto alle indicazioni.



Ingredienti per circa 24 panini:

Per la pasta:
500 grammi di farina 00
250 grammi di acqua
30 grammi di burro a temperatura ambiente
15 grammi di lievito di birra
10 grammi di sale
10 grammi di zucchero

Per la sfogliatura:
150 grammi di burro

Sciogliere il lievito in una parte dell'acqua indicata e impastare tutti gli ingredienti formando una palla, coprirla, e lasciare lievitare per circa 1 ora. Stendere la pasta formando un rettangolo abbastanza regolare.
Tagliare il burro a fettine sottili e disporle sui 2/3 della pasta.
Piegare la pasta in 3, iniziando dalla parte senza burro




Stendere nuovamente la pasta, girando il panetto e mantenendo l'apertura verso destra, come si fa per la pasta sfoglia, in modo da ottenere un altro rettangolo, che andra' ancora piegato in tre come prima.
Il panetto andra' quindi riposto per una ventina di minuti in frigorifero, coperto con pellicola o altro.
Ripetere l'operazione di piegatura altre due volte, sempre rispettando l'intervallo in frigorifero.
Stendere poi la pasta formando il solito rettangolo, portandola a circa mezzo cm di spessore.
Tagliare a meta' il rettangolo in senso verticale.
Lavorando meta' impasto per volta, formare un lungo cilindro di pasta arrotolata. Fare altrettanto con l'altra meta' e tagliare ogni cilindro a pezzi di circa 3 cm.


Disporre i cilindri  di pasta, rivolti verso l'alto, sulla carta forno, distanziandoli un pochino.
Rimettere a lievitare, fino a quando saranno raddoppiati.
Cuocerli in forno a 220 gradi, per circa 20 minuti.
Servirli caldi, o a temperatura ambiente. Si possono tranquillamente congelare e riscaldare al momento.


* di Ernest Hemingway mi sono innamorata in gioventu'.
Eravamo in campeggio, chiesi a mia madre qualcosa da leggere - che avevo finito tutto quello che mi ero portata - cosi' lo scoprii ! "I quarantanove racconti": ho ancora impresse nella mente le immagini di boschi e di fiumi, di verdi praterie, di accampamenti di indiani, di ruscelli che scorrono e odore di fumo di legna bruciata...come se quelle avventure le avessi vissute io! Lui e' ancora lo scrittore che amo di piu'.

8 commenti:

  1. davvero! se poi usi un burro di ottima qualita' (perche' il sapore del burro si sente) vengono favolosi!

    RispondiElimina
  2. Che splendore!
    Non conoscevo assolutamente questi panini/croissants, sono una vera meraviglia!

    RispondiElimina
  3. Sarah provali e poi mi racconti :-)

    RispondiElimina
  4. Che goduria, anche io non li conoscevo, bravissima. un bacione

    RispondiElimina
  5. Dany che fame mi hai fatto venire!!! Sento già il sapore!!
    un bacio
    Etta

    RispondiElimina
  6. Ma che buoniiii!!!vorrei provarli...posso utilizzare la tua ricetta??

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Pin It button on image hover