mercoledì 16 giugno 2010

Gelo di "mellone"



Un classico dolce della cucina siciliana, palermitana in particolare – tipico del festino di Santa Rosalia, che cade proprio nel periodo in cui l’anguria dà il meglio di sé – semplicissimo da realizzare, molto fresco e “quasi” dietetico .


Il “mellone” del titolo sta naturalmente per anguria, o cocomero, che deve essere già dolce di suo, anche se poi nella preparazione si aggiungerà lo zucchero.

Si può servire in coppette, come ho fatto stavolta, ma anche sformare, oppure come ripieno di una crostata cotta in “bianco”.
Questa ricetta è di mia mamma, palermitana doc, ma non è molto differente da altre che ho trovato, sia in rete, sia nei libri di cucina siciliana.
C’è chi mette anche aroma di vaniglia, ma io trovo che alteri molto negativamente il sapore del dolce.
Mentre la cannella lo esalta, ma è una questione di gusto..
Le gocce di cioccolata si mettono per riprodurre i semini dell’anguria e ci sta bene anche un trito di pistacchi di Bronte, sempre come decorazione.
Ah…niente fiori di gelsomino per me, qui non ne trovo!

Gelo di "mellone"


Ingredienti per 8  coppette medie:
500 grammi di succo di anguria, filtrato
40 grammi di amido di frumento (frumina) – se non lo trovate potete sostituirlo con maizena
100 grammi di zucchero
Cannella in polvere (facoltativa)
Gocce di cioccolata

Prelevate dall’anguria solo la polpa, scartando la parte bianca. Tagliatela a grossi cubetti, poi schiacciatela (a mano, oppure frullatela, o passatela con il passaverdure) ricavandone il succo.
Filtrate il succo ottenuto per eliminare i semi e la fibra che rimane, poi aggiungete lo zucchero.
Mettete in una ciotola l’amido e stemperatelo con una piccola parte di succo zuccherato, facendo attenzione che tutti i grumi si siano sciolti, poi mettete in un tegame con il resto del succo.
Mettere sul fuoco basso, mescolando continuamente, fino a che inizierà a bollire. Alle prime bolle spegnete e aggiungete, se volete, la cannella.
Versate nelle coppette, e appena si sarà intiepidito aggiungete le gocce di cioccolato e i pistacchi tritati.
Tenete in frigo almeno 12 ore prima di servire.

8 commenti:

  1. Il Gelo di Mellone (..notoriamente detto anche "Gellone di Cocomero") per me è il cult dell'estate, mi basta sentirne il profumo per rievocare tanti bellissimi ricordi!

    RispondiElimina
  2. Ahahahah che ridere! Il gellone di cocomero!!!

    RispondiElimina
  3. Anche "Butta Giù il Mulo" alias Apprezzami l'Asino è degno di entrare negli annali...W Nando!!^.^

    RispondiElimina
  4. Da sempre mentre guardiamo i mondiali con i vicini di casa mangiamo le stesse cose per scaramanzia; e l'anguria è d'obbligo perciò la tua ricetta è perfetta. Anzi combino dolce e frutta, meglio di così!!! Ciao Cristina

    RispondiElimina
  5. Una sera potresti provare...sperando che un minimo cambiamento del menu non porti sfortuna ;-)))

    RispondiElimina
  6. Il Gello... sempre amato.. anche a me rievoca fantastici ricordi delle estati a Maratea di quando eravamo bambine... è uno dei miei dolci preferiti, e poi è vero... zero grassi e poche calorie!

    RispondiElimina
  7. U gelu di miluni....che bonta...

    RispondiElimina
  8. @Etta...bellissimi ricordi ;-)
    @Giovanna, è il mio dolce estivo preferito!!!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Pin It button on image hover